What is the Treasure Chest?[it]Cos'è il cestino dei tesori?

The activity of the Treasure Chest [1] was founded as an experience of sensory exploration and from  the sixth or seventh month as they begin to sit without support, but still not yet mobile.

The central element of the educational program is a real basket full of everyday objects, built with natural materials (wood, metal, fabric, ceramic, leather, fur, paper and cardboard), capable of supporting the child's cognitive development through the exploration of all the senses:

- → feel texture, shape, weight
- → Smell variety of odors
- → taste more limited scope, but still possible
- → sound, rings, pops, squeaks
- → sight color, shape, length, gloss
- Sensation of body movement.

The adult, during this activity, should not take an active role by offering objects to the child or helping. It is important that the child is free to choose, experiment, try and try again. The adult has the important emotional role of being the significant presence that can bring security to the child and allow him to learn by playing.

The Treasure Chest is definitely an extraordinary learning experience on several levels:
-Promotes mother-child relationship;
-Facilitates social interaction among children [2];
-Supports a dialogue and exchange between mothers.


This activity is designed for groups of 6/7 mothers with children 6-12 months old. The meetings are once a week for two hours in the presence of an early childhood educator who accompanies,supervises and mediates between the needs of children and the needs of mothers.


[1] The Treasure Chest is an educational program designed and developed by the English educator Elinor Goldschmied, a leading expert in Europe of early childhood development.
[2] It is customary to think that children at this stage of life are not interested in each other, in reality, the Treasure Chest offers the opportunity to observe that there is already social interaction between children six months old This observation is analyzed  in the video "Infants at work" by E. Goldschmied in 1989.


[it]

L’attività del Cestino dei Tesori[1] nasce come esperienza di esplorazione sensoriale e si indirizza ai bambini nella prima fase di vita, quando, verso il sesto/settimo mese, cominciano a stare seduti senza appoggio, ma ancora non si spostano nello spazio. 

L’elemento centrale della proposta educativa è un cestino vero e proprio colmo di oggetti di uso comune, costruito con materiale naturale (legno, metallo, tessuto, ceramica, pelle, pelo, carta e cartone), capaci di sostenere lo sviluppo cognitivo del bambino attraverso la sollecitazione di tutti i sensi:

- tatto → consistenza, forma, peso
- olfatto → varietà di odori
- gusto →  ambito più limitato, ma comunque possibile
- udito →  squilli, tintinnii, scoppiettii, scricchiolii
- vista → colore, forma, lunghezza, lucentezza
- sensazione del corpo in movimento.

L’adulto, durante questa attività, non dovrebbe avere un ruolo attivo offrendo oggetti al bambino o aiutandolo ad impugnarli. Occorre che il bambino sia libero di scegliere, sperimentare, provare e riprovare. L’adulto ha l’importante funzione di ancora emotiva, di presenza significativa capace di dare sicurezza al bambino e di permettergli di imparare giocando.

Il Cestino dei Tesori è senza dubbio  un’esperienza educativa straordinaria a più livelli:
-favorisce la relazione mamma-bambino;
-facilita un’interazione sociale tra bambini[2] ;
-sostiene  un confronto e uno scambio tra mamme.


Questa attività è pensata per gruppi di 6/7 mamme con bambini 6-12 mesi. Gli incontri sono una volta alla settimana per due ore, alla presenza di una pedagogista e di un’educatrice con funzione di accompagnamento, supervisione all’esperienza, e mediazione tra i bisogni dei bambini e i bisogni delle mamme.


[1] Il cestino dei tesori è una proposta educativa ideata ed elaborata dalla pedagogista inglese Elinor Goldschmied, una delle principali esperte in Europa dei servizi per l’infanzia. 
[2] Si è soliti pensare che i bambini in questa fase di vita non siano interessati l’uno all’altro,in realtà il Cestino dei Tesori offre l’opportunità di osservare che vi è interazione sociale tra bambini già dai sei mesi di vita. Tale osservazione è analizzata in termini molto appropriati nel video “Infants at work” da E. Goldschmied nel 1989.

Next [it] Il Prossimo