Mom and Dad I want to play too![it]Mamma e papà gioco anch'io!

How can you play with a baby a few weeks old who is unable to speak, grasp objects, walk ... And most importantly, it is necessary so early in the game? And yet ... what to do with a child from zero to twelve months? What is he able to do? What are the "games" he can play? How do you deal with someone so small?
This is a course designed for moms and dads of children in the first year of life to answer these questionsto combat the boredom of children and parents themselves (this boredom that you often because no one knows what to invent!) to experience games as a growth experience for the whole familyto "learn" to see the world through the eyesof the child ...
In a child's first year, games allow players to develop motor skills and psychologicallyAlready in the first weeks of lifegames allow the brain to organize connections between neurons, and the creation of elaboratemental programsIt is real "food for thought"It is not a pastime or a way to hang out: it is the primary activity of children's lives, it is their" work" to communicate and express themselves.
 Federica Grittini (educator at counselor at CEMPand Simona Brunetti (sociologist and counselor at CEMP), will discuss the various stages of a baby's lifethe stimuli and experiences relevant to each stage: from the ribbon hanging over the cradle to the first objects to be recognized, a person's face, a  treasure chest, the leaves which move in the breeze ...

Reservations requiredfor info and reservations: milano@themilkbar.it
Cost: 10 

[it]

Come è possibile giocare con un bambino di poche settimane di vita che non è in grado di parlare, afferrare oggetti, camminare… E, soprattutto, è importante il gioco nei primi mesi? E ancora…cosa fare con un bambino da zero a dodici mesi? Cosa è in grado di fare? Quali i “giochi” indicati? Come relazionarsi con una persona così piccola?

Un incontro pensato per le mamme e i papà di bambini nel primo anno di vita per rispondere a queste domande, per combattere la noia dei bambini e degli stessi genitori (quella noia che spesso si prova..perché non si sa più cosa inventare!), per vivere il gioco come esperienza di crescita di tutta la famiglia, per “imparare” a guardare il mondo con gli occhi del bambino…
Nel primo anno di vita il gioco permette di sviluppare in modo armonico il sistema psicomotorio. Già nelle prime settimane di vita, il gioco consente al cervello di organizzare collegamenti tra i neuroni e favorisce la creazione di elaborati programmi mentali. E’ un vero e proprio alimento per la mente! Non è un passatempo o un modo per svagarsi: è l’attività primaria della vita dei bambini, il loro lavoro, è l’unico modalità che conoscono per comunicare ed esprimersi.
Si parlerà, insieme a Federica Grittini (pedagogista consultorio CEMP) e Simona Brunetti (sociologa consultorio CEMP), delle varie fasi di vita del bambino, degli stimoli e delle esperienze significative per ciascuna fase: dal nastro rosso appeso sulla culla ai primi oggetti da afferrare, dal viso delle persone al Cestino dei tesori, dalle foglie che si muovono ai primi-primissimi travasi…

Prenotazione obbligatoria, per info e prenotazioni milano@themilkbar.it
Costo: 10€


Next [it] Il Prossimo

Previous [it] Precedente